Il servizio per il tè Chemicus

La gente che venera la chimica come una scienza ma non riuscita a comprenderla da oggi ha una possibilità di sentirsi di un alchimista vero impegnato nel preparare qualcosa di magico. Nel design-studio di Artemio Lebedev fu escogitato un progetto originale denominato Chemicus la quale aiuta ad uno chimico principiante a chimificare, al meno, una ciotola di tè forte.

Un servizio per il tè con ridipinte Gzhel tradizionale, blu sul bianco, rappresenta di sé veri e propri recipienti da laboratorio chimico: le provette, i bicchieri, l’ampolle solo che non fatte in vetro anzi in porcellana . La forma e sagomo di ognuno oggetto replica la forma e sagomo di suo prototipo soltanto che destinato ad altro.

Servizio di porcellano Chemicus consiste di due inconsueti recipienti: uno per l’acqua bollita e l‘altro per fare tè, tazze e piattini, un recipiente per lo zucchero, vasi simpatici e un set di provetti per il condimento. Per non deviarsi dall’idea le provette posate sulla poggia speciale simile alla quella di laboratorio vera.





Commenti

Annullare