Villa Ronde, una villa giapponese sul litorale, green house

E osservazione comune che in Giappone tante popolazione e poco territorio. Perciò costretti a costruire via via edifici più alti. A dire la verità, non a tutti piace abitare sul altezza di cento metri e di più, molti vogliono avere la sua casa privata, un paio di piani con cortile e piccolo giardino. Qualcuno riesci pure a trovare e compare la terreno per realizzare i suoi sogni, ma dato che, un metro quadro in questo paese è cosi caro che pochi ardirono di concederlo alle piante.

Del resto, si industria per avere una piccola, propria, verde oasi. Uno, più semplici da punto logico ma un po’ complicato da punto tecnico, modo da realizzare è fare un giardino sul tetto del edificio e tanti persone intraprendano ad crearlo, ad esempio, Kazuyuki Ishihara, che ha fatto il suo mestiere di addobbare i tetti con le piante, o azienda edile Ciel Rouge Creation che ha rizzata un fabbricato di nome Villa Ronde.

La Ville Ronde è costruita sul litorale. Da questo si capisce subito che prezzo di un metro quadro di quel litorale è paragonabili con prezzo di metro quadro della terra di Tokio per ciè non si parla ne meno per concedere pezzettino di terra per fare un giardino o un prato. Solamente costruzione a fitto e nient’altro; e gia sul tetto si può impiantare un vero e proprio parco.

E cosi fu fatto da architetti della azienda Ciel Rouge Creation. Loro hanno costruito un edificio alla forma del cilindro sul tetto a due livelli del quale è stato impiantato un giardino e prati in quali si fa crescere alle erba, cespugli, alberi. Inoltre, due livelli sono necessari per avere un rifugio dai venti del mare che tipici in questo regione dove è stata eretta la Villa Ronde. Quando mare calmo, si può prendere il sole al livello superiore del tetto quando soffia il vento sul fondo, interiore.

Ma i venti che soffiano dal mare non solo un difetto di quel posto ma anche il suo pregio. Infatti, l’architetti di Ciel Ruoge Creation hanno costruito la casa in tale modo da usufruire di quella peculiarità climatica per ventilare e condizionare la Villa Ronde. Inoltre, trenta centimetri di terra sul tetto facilitano la termoisolazione. In pochi parole, niente di superlue, niente di casuale; un capolavoro di architettura!





Commenti

Annullare